IL NOSTRO STAFF
logo-periferie-trasparente
LOREDANA PARRELLA
Direzione Artistica
logo-periferie-trasparente
GLORIA SAPIO
Direzione Artistica
logo-periferie-trasparente
SILVANA BARBARINI
Direzione Artistica
logo-periferie-trasparente
LORENZO PASQUALI
Direzione Artistica
DEF-matrice-nero immagine
CARLO PAINI
Direzione Organizzativa
DEF-matrice-nero immagine
GIANLUCA FORMICA
Responsabile Comunicazione
DEF-matrice-nero immagine
MAURIZIO REPETTO
Direzione Organizzativa
DEF-matrice-nero immagine
MARINA SARACENO
Ufficio Stampa
DEF-matrice-nero immagine
MARCO GUIDI
Direzione Tecnica
DEF-matrice-nero immagine
VALERIA TOMASULO
Video Maker
DEF-matrice-nero immagine
ANDREA CAUDURO
Direzione Tecnica
I NOSTRI TUTOR

Loredana Parrella

TUTOR COORDINATORE
Una lunga carriera iniziata negli anni ’80 come interprete e in seguito come autrice, che l’ha portata a lavorare in grandi Teatri come il Ballet Royal de Wallonie, Théâtre des Beaux Arts di Charleroi e l’Operà de Liège (Belgio), Teatro Comunale di Modena, Teatro San Carlo di Napoli, Festival Mozart La Corunà (Spagna), Birmingham Touring Opera 2000 (Inghilterra), OperaZuid di Maastricht (Paesi Bassi), Maggio Fiorentino (Firenze), Teatro Stabile di Torino, Teatro dell’Opera di Roma, Teatro Carlo Felice di Genova, accanto a importanti nomi del teatro e della danza come Luca Ronconi, Jorge Lefrebre, Micha Van Hoeche, Jean Kalman, Eike Gramss, Bruce Myers e tanti altri. Negli anni dal 2001 al 2003 collabora con la Fondazione Nazionale della Danza/Aterballetto e dal 2003 al 2005 con la Scuola di Teatro e Circo Alessandra Galante Garrone (Bologna) come docente stabile per il corso di formazione professionale per giovani danzatori e attori, dove mette a punto il suo metodo “Vocal expression training® e physical dance theatre” frutto della sua ricerca che vede la commistione della danza e del teatro. Le sue creazioni vengono riconosciute a livello Nazionale ed Internazionale. È ospite all’estero alla Sala Cuarta Pared di Madrid, International Physical Theatre Festival Liverpool, Festival of Choreographic Miniatures – Teatro Nazionale – Belgrado, Acker Stadt Palast Berlino, European Contemporary Dance Festival of Cyprus, Teatro Nazionale del Montenegro, IDACO Festival New York e alla William Esper Studio.

Gian Maria Cervo

È uno dei drammaturghi italiani più attivi e rappresentati a livello internazionale è stato nominato autore in residenza della Deutsches Schauspielhaus, il Teatro Nazionale di Amburgo, per la stagione 2001-2002. I suoi testi sono stati rappresentati in alcuni dei maggiori Teatri e Festival d’Europa come il Deutsches Theater di Berlino, il Burgtheater di Vienna, il Piccolo Teatro di Milano e il Teatro Argentina di Roma, in vari prestigiosi teatri russi e sono stati messi in scena da registi inglesi e americani di spicco come Malcolm McKay e David Warren Nel 2013 Cervo è stato messo in scena dalla Shanghai Theatre Academy, la più prestigiosa istituzione teatrale in Cina. Tra le sue opere più recenti “Call Me God” scritta a 8 mani con Marius von Mayenburg, Albert Ostermaier e Rafael Spregelburd rimasta in repertorio con 5 anni di tutto esaurito al Residenz Theater di Monaco di Baviera dal 2012 al 2017. Nel 1997 ha fondato il Festival di drammaturgia contemporanea “Quartieri dell’Arte”. In qualità di direttore del Festival Quartieri dell’Arte ha stipulato una serie di accordi per la creazione di laboratori nell’ambito del progetto Les Laboratoires Europeens Kadmos con i Festival di Avignone (Francia), GREC di Barcellona (Spagna) e di Atene-Epidauro (Grecia) e ha contribuito, con Andreas Beck, Philippe Lemoine, Sue Higginson, Jack Bradley, Michel Didym e Jean Balladur, alla creazione del Progetto Intertext realizzato dal Festival con il National Theatre di Londra, il Burgtheater di Vienna e la MEEC di Parigi (al progetto hanno aderito successivamente anche il Royal Exchange Theatre di Manchester e il Narodni Divadlo di Praga). E’ docente di sceneggiatura e drammaturgia presso il Centro Sperimentale di Cinematografia- Scuola Nazionale di Cinema.

Giorgio Testa

Psicologo dell’età evolutiva, formatore, esperto dei rapporti Teatro-Educazione Attivo dal 1960 nel Movimento di Cooperazione Educativa (MCE), di cui ha diretto la rivista “Cooperazione Educativa” dal 1980 al 1985, vi ha svolto attività di ricerca e formazione sui temi dell’inconscio nella pratica educativa, della creatività, della libera espressione, della didattica della lettura. Negli ultimi anni, tema prevalente del suo lavoro è stato l’educazione al teatro nelle sue dimensioni di: spettacolo da vedere, esperienza di comunicazione e di espressione, linguaggio istituito e forma specifica. Per “L’osservatorio dell’Immaginario” (Compagnia Stilema, Torino) ha curato il progetto “Il teatro nella mente” indagine sull’idea di teatro dei giovani. In qualità di consulente dell”Ente Teatrale Italiano (ETI) ha ideato e coordinato molti progetti di ricerca, in particolare il progetto europeo IRIDE sulle attività di mediazione necessarie ad avvicinare i bambini e i giovani al teatro e la direzione, a Roma e a Firenze, dal 1997 al 2010, del Centro Teatro Educazione (CTE), struttura stabile per l’educazione al teatro, che la quale ha promosso la sperimentazione nelle scuole di modelli di “didattica della visione” per la formazione dello spettatore teatrale sin dalla prima infanzia e la progettazione e organizzazione di corsi per insegnanti e operatori teatrali. Attualmente promuove a Roma La Casa dello Spettatore, Centro per la formazione del pubblico. Ha collaborato con la Residenza Settimo Cielo nel triennio precedente per cicli di incontri di didattica delle visione.

Paola Bonesi

Nata a Varese, dopo gli studi classici, nel 1987 si diploma presso la Civica Scuola d’arte
drammatica Piccolo Teatro di Milano, sotto la guida di Massimo Castri, Giampiero Solari,
Remondi&Caporossi.Nel 1988 inizia una lunga collaborazione col teatro “La Contrada – Teatro Stabile di Trieste”. Per diverse stagioni partecipa al Festival Internazionale dell’Operetta di Trieste diretta, tra gli altri, da Gino Landi e Massimo Scaglione. Dal 2011 collabora col teatro di lingua tedesca Theater in der Altstadt di Merano, diretto da Rudolf Ladurner. Dal 1992 collabora con la sede Rai di Trieste e con la Televisione di Stato Slovena, in lingua italiana, come autrice e interprete radiofonica. A partire dal 1999 affianca l’attività di regista e autrice, firmando alcuni spettacoli, tra i quali “Come le mosche d’autunno” di Irène Nemirovsky in scena a Mittelfest e a Benevento Festival nell’estate 2009 e quella di docente di tecniche della parola alla Civica Accademia d’Arte drammatica “Nico Pepe” di Udine. Per cinema è fiction è stata diretta da Riccardo Milani, Marco Pontecorvo e da Marco Bellocchio (“La bella addormentata”, con Isabelle Hupert)

Marco Paciotti

Nel 2000 si diploma come “Attore” e “Aiuto-Regista Teatrale” presso la Scuola Internazionale di Teatro di Roma Triennio di Formazione Professionale; Amplia la sua figura di attore perfezionando gli studi con: la “Commedia Antica” con G. Mazzella; elementi di acrobatica con Massimiliano Dezi (insegnante dell’Accademia Nazionale di Danza di Roma); tecniche di contact-improvisation studio dei lazzi, danze rinascimentali e barocche, scenografia interattiva , direzione scenica e prospettiva della regia. Dal 2002 Insegna presso la “Scuola Internazionale di Teatro” oggi “Accademia Internazionale di Teatro” tecniche di training fisico, Acrobatica ed Arti Marziali, regia per il teatro Open-air. Conduce laboratori teatrali nelle scuole secondarie di primo grado, vincendo nel 2004 e 2006 il “Premio Carola Fornacini” come miglior spettacolo, organizzato dall’ Associazione “La Macchina Teatrale” (in collaborazione con il C.I.D.I. di Roma e con l’ETI). Dal 2005 fonda e dirige insieme a Lorenzo Pasquali la Compagnia Ondadurto Teatro. Tournée in Italia (Roma, Verona, Bologna, Urgnano, Isola d’Elba, Napoli, Padova, Caorle, Canale Monterano). Tournée in Europa: (Poznam e Tczew – Polonia, Linz – Austria, Saint Vincent, Corea del Sud, Barcellona, Luxembourg). Scrive e dirige i la maggior parte delle produzioni della Compagnia.

Carlo Paini

Nato a Roma nel 1951. Dopo studi umanistici all’ università la Sapienza di Roma, nel 1976 è socio fondatore della Cooperativa Teatroinaria, per la quale fino al 1986 si occupa dell’organizzazione e della parte artistica, firmando gli spettacoli insieme ad Alessandro Berdini. Dal 1984 si occupa della parte organizzativa e logistica delle seguenti Rassegne : Attore & Attori (Teatro La Piramide Roma 1984), Teatro & Teatranti (Piccolo Eliseo Roma 1985) e delle tre edizioni di Scenario Informazione a cura di Giuseppe Bartolucci e Titti Danese in importanti teatri romani (1985 – 1987). Nel 1987 inizia la collaborazione con l’A.T.C.L. che proseguirà fino al 2012. Nella sua carriera ha programmando oltre cinquemila spettacoli nell’ambito del progetto La Rete dei Teatri. Organizzatore in numerosi progetti che il Circuito ha realizzato in collaborazione con l’ Ente Teatrale Italiano, il Teatro dell’Opera di Roma, l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, l’Accademia Nazionale di Danza e il Teatro di Roma. Sempre in quegli anni ha dato vita alla creazione del Vulci Festival, 7 anni di continuità dal 2003 al 2009, in collaborazione con i comuni di Montalto di Castro e Canino e che nel corso degli anni ha visto la partecipazione di artisti e spettacoli come Franco Battiato, Lucio Dalla, Goran Bregovich, Emir Kusturiza e tanti altri di rilevanza internazionale. Ad oggi uno dei migliori organizzatori del panorama nazionale.

Gloria Sapio

TUTOR COORDINATORE
Attrice, autrice, regista. Si diploma alla Scuola di Teatro di Bologna diretta da Alessandra Galante Garrone. Lavora in teatro, televisione e cinema con numerosi registi della scena nazionale ed è stata più volte segnalate ai premi UBU. Come docente inizia a sviluppare una propria didattica alla scuola di Perla Peragallo a Roma. Insegna poi a Udine (Artisti Associati) e a Roma (Accademia del Teatro dell’Orologio). E’ stata per due anni membro delle commissioni di ammissione per il programma Amici (Mediaset). Organizza inoltre corsi per A.T.C.L., Provincia di Roma, per il Festival Tivoli Chiama, per il Festival delle Storie di Val di Comino, per la Rassegna Sguardi Oltre per la Scuola Media Alberto Manzi di Villalaba e altri Istituti di Subiaco e della Valle dell’Aniene. Coordina e conduce e le attività formative all’interno dei progetti di Settimo Cielo di cui è direttrice artistica.

Maurizio Repetto

Attore, autore e regista. Inizia giovanissimo a formarsi al Teatro La Contrada di Trieste dove studia con i registi Francesco Macedonio e Mario Licalsi. Entra a fare parte stabilmente della Compagnia e lavora in quasi tutte le sue produzioni. Nel 2004 è protagonista, nel ruolo di Kezich giovane, de I ragazzi di Trieste, di Tullio Kezich, regia di Francesco Macedonio, completando la partecipazione alla trilogia sulla memoria firmata dall’autore. Lavora con diversi registi (tra cui Tonino Pulci, Bigas Luna, Marco Mattolini, Giorgio Pressburger) in teatro, cinema e televisione, in serie di successo (Carabinieri, Un caso di coscienza 1-2-3-4-5). Per RAI Radio3 è interprete di numerosi sceneggiati radiofonici. Si trasferisce a Roma nel 2005 come membro e poi direttore artistico della Compagnia Settimo Cielo. Nel 2006, con Medaniene Giovani, attività ideata e condotta insieme a Gloria Sapio e realizzata in collaborazione con A.T.C.L. (Circuito Regionale) e il sostegno della Regione Lazio, si delinea una progettualità in decentramento che porterà la Compagnia ad essere Officina Culturale della Regione Lazio (2010>2016) e poi Residenza Artistica Nazionale nel triennio 2015/17. Nel 2011 è tra i fondatori dell’Associazione Percorsi Accidentali che, dal 2012, organizza, nell’ambito dell’Estate Romana, con il sostegno di Roma Capitale, una rassegna di arte multidisciplinare (Sguardi Oltre). Dal 2014 è direttore del Teatro Comunale La Fenice di Arsoli (RM). All’interno dei progetti conduce laboratori di teatro e lettura espressiva per adulti e bambini. Nel triplice ruolo di attore, autore e regista è presente nelle più recenti produzioni di Settimo Cielo (Pasquarosa, Il sogno di Henry, Mozart MC HI ENERGY, Radio Maigret, L’ultima volta che ho visto Parigi)

Giuseppe Casa

Musicista, organizzatore di eventi , anima di MarteLive e fondatore dell’etichetta MarteLabel che produce artisti come Jo Evans, Nobrano, Afterhours, Una. Negli anni ha curato la direzione artistica di centinaia di mostre, eventi, spettacoli con progetti collaterali a MarteLivecome Tolfarte, Scuderie MarteLive, TeatroTour e molti altri Francesco Cortoni laboratorio azione drammaturgica. Si forma come attore presso la Fondazione Pontedera. Come attore lavora, tra gli altri, con Chiara Guidi (Raffaello Sanzio), Gaetano Ventriglia, Dario Marconcini, Silviae Luisa Pasello, Emanuele Gamba, Marco Sanna. Fonda la compagnia Pilar Ternera con la quale realizza spettacoli e laboratori teatrali per le nuove generazioni e la nuova scena ottenendo riconoscimenti in tutta Italia. Nel 2010 dirige “Provaci ancora” dalla tragedia di Romeo e Giulietta vincitore del premio nazionale Giovani Realtà del Teatro Accademia Nico Pepe di Udine. Dirige diversi spettacoli di teatro ragazzi che partecipano a diverse rassegne e vengono ospitati da diversi teatri, fra gli altri il Teatro Stabile d’Abbruzzo, La botte e il Cilindro (SS), La città del teatro Cascina. Nel 2016 dirige “Houn vizio al cuore” tratto dagli atti unici di Cechov che debutta all’interno della Teatri di Confine promossa dalla Fondazione Toscana Spettacolo. Nel 2017 avvia il progetto “Scena Europa” in collaborazione con Pav (Roma e l’Università di Pisa.

Silvana Barbarini

TUTOR COORDINATORE
Si forma alla danza contemporanea a Roma presso il CPDC-Centro Professionale Danza
Contemporanea e prosegue i suoi studi a New York presso il Cunningham Studio e il Nikolais- Louis Dance Laboratory. Incontra successivamente alcuni maestri fondamentali per la sua formazione: Carolyn Carlson, Ande’ Peck, Terry O’ Connor, Kaya Anderson, Dominique Dupuy, Hervé Diasnas. Negli anni ’80 e ’90 ha lavorato con compagnie di danza contemporanea (Teatrodanza contemporanea di Roma, Sosta Palmizi) e teatro sperimentale (Spaziozero, Teatroinaria, La Zattera Di Babele, Centro Sperimentale Del Teatro). Come danzatrice e coreografa ha collaborato con registi (Jerome Savary, Walter Pagliaro, Sharoo Kheradmand, Pierluigi Pizzi), musicisti (Franco Battiato, Luigi Cinque, Massimo Cohen, Paolo Damiani, Danilo Rea), artisti visivi (Renato Mambor, Iole Caleffi, Giustina Prestento, Johannes Dimpflmeier). Come insegnante ha approfondito l’approccio del BMC, diventando Somatic Movement Educator (2009), ha completato la formazione alla Danza Sensibile di Claude Coldy (2005) e gli studi di Placement e Ideokinesi con Ursula Stricker (2010). E’ fondatrice della compagnia Vera Stasi (Roma, 1985) e per essa ha realizzato diverse coreografie.
Ha curato la direzione artistica dei progetti: Danza D’autore: Memorie, Realta’, Prospettive (Roma, 1994); Tuscania Teatro, Residenza Multidisciplinare Della Regione Lazio (1997-2001); Tuscania Danza, attività di promozione e ricerca (2001-oggi).

Enea Tomei

Nasce a Roma nel 1973, attore, scrittore, performer. Diplomato presso l’accademia teatrale del Centro Intenazionale La Cometa ha studiato con Giovanni Lombardo Radice, Pierpaolo Sepe, Alan Woodhouse e altri. Ha lavorato al cinema e a teatro con Gigi Proietti, Toni Bertorelli, Monica Vullo. Per la compagnia Triangolo Scaleno Teatro interpreta “Orlando furioso”, “Il Castello” e “Un altro Calderon”, diretto da Roberta Nicolai; “Caligola” con la regia di Andrea Felici; “Romeo e Giulietta” con la regia di Gigi Proietti. E’ consulente artistico del Festival Teatri di Vetro. Per il cinema “L’appuntamento originario” di Gianfranco Isernia, “Balletto di guerra” di Mario Rellini, “Ho ucciso Berlusconi” di Gianluca Rossi. Roberta Nicolai drammaturgia Regista, drammaturga e direttore artistico del Festival Teatri di Vetro e del progetto OFFicINa. Dirige il triangolo scaleno teatro di Roma. Nel 2011 vince il premio Kilowatt-Ubulibri come migliore giovane curatore della scena contemporanea. Sperimenta continuativamente la didattica teatrale all’interno della propria compagnia e in contesti diversi. È docente di recitazione presso il Centro Internazionale La Cometa (1998-2003) e il Centro Sperimentale di Cinematografia (2003- 2006). Cura la drammaturgia e dirige dal 2000 ad oggi: Orlando furioso (Sala Umberto Roma), Circus Kafka Show (Furio Camillo Roma), Il Castello (Palladium Roma), un altro Calderón (finalista Nuove sensibilità Napoli_ Teatro Vascello Roma) anima (all’interno del progetto europeo Europe&Cies Rome_Lyon), Trittico dello spaesamento (Romaeuropafestival Cantieri Temp’s d’Images 2010 Palladium Roma, Festival Movimentale Napoli 2012; Napoli Teatro Festival giugno 2013). Al lavoro di creazione personale, dal 2005, affianca la curatela e la realizzazione di progetti dedicati alla scena contemporanea: teatrinvisibili (monitoraggio e convegno 2005/06), Teatri di Vetro festival delle arti sceniche contemporanee (otto edizioni dal 2007 al 2014), OFFicINa, Cantiere di creatività contemporanea della Regione Lazio (vincitore per due bienni: 2008/09 e 2010/11 del bando Officine culturali della Regione Lazio). Collabora con l’organismo non governativo Alisei alla creazione del progetto “Qui non abbiamo tempo di essere bambini”, all’interno della campagna sul lavoro minorile. È autrice regista e attrice dello spettacolo “Lontani” finanziato dal CIR all’interno della campagna sul teatro della memoria: da Auschwitz a Sarajevo.

caterina casini

Attrice regista autrice, si occupa da trent’anni di didattica teatrale.Si diploma allo Studio Fersen di Arti Sceniche nel 1977, allieva di Alessandro Fersen per tutti i tre anni di corso. Nel 1976 inizia subito il suo percorso di attrice con le regie brechtiane di Gian Carlo Sammartano e partecipa alla grande esperienza della Cooperativa POLITECNICO TEATRO di Roma, partecipando a vari spettacoli. A Parigi, studia con Carlo Boso la Commedia dell’Arte, realizza spettacoli di Commedia a Parigi e in Italia. E’ tra le fondatrici a Roma del gruppo “The a Tre” , all’interno della avanguardia romana. Lavora negli anni con diversi registi tra cui Aldo Trionfo, Tonino Conte, Renato Mambor, Carlo Quartucci, Marco Mattolini, Emanuela Giordano, Mariano Rigillo, Walter Manfrè, Maurizio Panici, Giles Smith. Nel 1988 approda in televisione con Renzo Arbore, e inizia un percorso di scrittura e interpretazione di testi per la tv, la radio e il teatro. Nel 2001 fonda la Scuola Comunale di Teatro a Sansepolcro (AR) e, nel 2003, la Associazione Laboratori Permanenti, che nel 2013 ottiene la Residenza Artistica da Regione Toscana e Comune di Sansepolcro, presso il Teatro Alla Misericordia di Sansepolcro.

nicola zavaglia

Ha iniziato come sceneggiatore, scrivendo con Franco Brusati prima e Alessandro Benvenuti poi, con quest’ultimo firma le sceneggiature di “Belle al bar” e “Ivo il tardivo”. Collabora con AntonelloAglioti Ugo Chiti, Suso Cecchi D’Amico; Come sceneggiatore è stato finalista al David di Donatello, al Ciak d’Oro e al Premio Solinas. Ha vinto un Nastro d’argento. Fonda con Ugo Chiti la compagnia Teatro Arkè. Nel 2003 fonda la compagnia Teatri d’Imbarco e dal 2010 è direttore artistico del teatro delle Spiagge di Firenze Tra i suoi spettacoli ( testo e regia): L’armadio di famigia (Editoria & Spettacolo); La cameriera di Puccini (in Novelli Vagu (Titivillus edizioni); Un matrimonio quasi felice; Indagine d’amore, Storie di Villa Triste. Nel 2013 scrive e dirige La leggenda del pallavolista volante con Andrea Zorzi, il noto campione mondiale del volley nazionale, originale esempio di drammaturgia dello sport. Con Beatrice Visibelli dirige la Scuola di Teatro l’Imbarco di Firenze.

Marco Giannoni

Nato a Tarquinia nel 1977, compositore e chitarrista, compie i propri studi musicali presso il
Conservatorio “Alfredo Casella” de L’Aquila e l’IRCAM (Institut de Recherche et Coordination
Acoustique/Musique) di Parigi. Ha composto musica per gli ensemble più diversi, orchestre, cori, colonne sonore. La sua copiosa produzione di musiche di scena per il teatro e la danza è stata oggetto di seminari (Università “La Sapienza” di Roma, 2009), tesi di Laurea e Dottorato di ricerca. I suoi lavori, premiati in concorsi internazionali di composizione (tra gli altri: Primo premio assoluto nel 2012 al 1° Concorso di Composizione della NBHK – Società Olandese per la Musica da Camera Contemporanea) sono regolarmente commissionati, pubblicati ed eseguiti sia in Italia che all’estero. E’ docente di Chitarra, Composizione, Musica applicata, Teoria e Solfeggio presso diversi istituti musicali del centro-Italia, nonché in occasione di seminari e masterclass. E’ autore di saggi e articoli a carattere musicologico, nonché di numerosi ed apprezzati testi didattici dati alle stampe dalle case editrici GLISSATO edizioni musicali (Italy), BERGMANN editions (Denmark), DA VINCI edition (JAPAN). E’ membro della SIMC – Società Italiana Musica Contemporanea. Dal 2011 è inserito nella Banca Dati dei Compositori Italiani del Cidim – Cim/UNESCO. Da marzo 2017 è Direttore editoriale di Mus.A editions e della rivista di musica e linguaggi del contemporaneo “Cluster”. Formazionelive laboratorio di promozione e marketing musicale Un’attività di Procult, un’associazione no-profit di promozione culturale creata nel 2000 da un gruppo di studenti universitari. Oggi conta migliaia sostenitori in tutta Italia diventando un punto di riferimento per gli artisti emergenti italiani ma anche per addetti ai lavori e aspiranti produttori culturali. L’obiettivo istituzionale di Procult è quello di diffondere arte e cultura tra i giovani coinvolgendoli ed educandoli, attraverso il divertimento, ad un consumo culturale di qualità. Collaborano a FormazioneLive esperti, giornalisti, organizzatori e operatori di spicco della scena musicale come, tra gli altri: Massimo Bonelli (Primo Maggio Roma/iCOMPANY), Giordano S a n g i o r g i ( M E I ), A l b e r t o S a l i n i ( U n i v e r s o ) , P i e t r o F e r r i ( R A I ) , O r i a n a Rizzuto (MArteMagazine), Francesco Del Maro (HitWeek Festival), Francesco Roberto Forlano (Olive Produzioni).